Il nostro modello

La Coldiretti vuole imporre agli ospedali e alle mense italiane di bandire i “pomodori cinesi”.

Per due ragioni: “per garantire al contempo un giusto reddito ai nostri imprenditori agricoli e sicurezza alimentare ai cittadini consumatori”. Ho il dubbio che una delle due ragioni sia preponderante, ma lasciamo perdere.

Sembrerà stupido, ma il concetto di qualità – così come lo intendiamo noi oggi a proposito del cibo – è abbastanza recente. Prima degli anni sessanta, l’unica idea di qualità si limitava alla sfera delle abilità dell’agricoltore. La bontà di frutta e verdura era comparabile alla bontà di una bella credenza: l’agricoltura come forma di artigianato. E’ solo negli anni settanta/ottanta che la qualità è diventato un costo. per il consumatore Ed ha cominciato a generare anche quella sensazione di imbarazzo che si prova nell’acquistare un pomodoro da 3 euro al chilo, invece di altri da 1 e 50.

Solo qualche mese fa, un reportage di Fabrizio Gatti ha raccontato l’abominevole sfruttamento degli immigrati durante la raccolta dei pomodori in Puglia. Eppure, certa economia è “tollerata” perché altrimenti sarebbe l’economia di tutto il paese a crollare. Va bene bandire i pomodori cinesi, ma non lo si potrebbe fare per tre ragioni? 1. Garantire reddito agli imprenditori 2. Garantire  dignità ai lavoratori 3. Sicurezza alimentare.

Davvero non esiste altro modo per non doversi rassegnare a mangiare passata di pomodoro concentrato cinese?

Annunci

Tag: , , , ,

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: