Per dire come stiamo

Scriveva ieri Adriano Sofri della disunità d’Italia. Tra le altre cose nel suo articolo si legge anche che: “Alla Lega si offre oggi l’opportunità di combinare il secessionismo, il visionario estremismo senile del professor Miglio, con lo strappo di enclave via via più larghe nel resto del paese – un processo di lampedusizzazione – e il controllo via via più diretto sul governo centrale, contrappuntato da qualche trasferimento napoleonico di ministeri e canali televisivi da Roma al Nord”.

Sui giornali di oggi si legge che quello che (molto) probabilmente sarà il candidato dell’opposizione, Chiamparino, è profondamente d’accordo con tale “trasferimento napoleonico” di ministeri. La Lega lo dice, ma almeno non ha (ancora?) la pretesa di prendere voti sotto l’Emilia. Sembra invece che Chiamparino creda che i voti dei piemontesi pesino il doppio di quelli dei calabresi. E prova a convincerli con questo leghismo soft, che potrà forse permettergli di conquistare consensi in Padania, ma lo rende spendibile solo in una sfida con Tremonti, non in una contro Berlusconi. Il quale – paradossalmente – sembra rappresentare in questo momento, molto più che parte del Pd, che Confindustria etc. etc , uno dei pochi argini alla disunità.

Annunci

Tag: , , , , ,

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: