Meglio che leggersi un saggio/5

Titolo: Logicomix

Autori: Apostolos Doxiadis e Christos H. Papadimitriou. Disegni di Alecos Papadatos e Annie di Donna

Storia: Bertrand Russell si appresta a tenere una conferenza, ma viene interrotto da alcuni studenti pacifisti. Invece di cercare la solidarietà dei giornalisti e dei politici di tutti gli schieramenti convince i ragazzi a seguire la sua lezione. Durante il discorso – la prende molto alla lontana, questo si deve ammettere – racconterà tutta la sua vita, e la storia della logica moderna.

I buoni: Russell, Gödel, Frege, Turing, Von Neumann, Wittgenstein, i logici e i matematici insomma. Ma solo quando parlano di logica o matematica. Nella vita possono essere stronzi come tutti gli altri.

I cattivi: i pazzi

Quelli veramente cattivi: ci sono i nazisti e ogni volta che in una “storia” appaiono i nazisti, beh, quelli veramente cattivi non possono che essere loro.

Cosa c’è d’italiano? (aka Stanis la Rochelle): Gli autori sono greci e condividiamo con loro – una faccia una razza – lo sguardo di gente di periferia che vede la storia della filosofia/logica farsi altrove. (Ma almeno un italiano nominato c’è, Giuseppe Peano). Ah, quasi dimenticavo, ci sono – di tipicamente italiano – anche i pacifisti a priori

Per chi è: per chi vuole essere introdotto alla logica e alla matematica del secolo scorso. Per quelli che credono che Russell, Wittgenstein, Godel, Turing e von Neumann siano dei supereroi in grado di sovvertire le leggi della natura con la stessa efficacia di Superman

Per chi non è: per quelli a cui non frega nulla di sapere perchè cacchio il blog di Luca Sofri si chiami Wittgenstein.

Se lo leggo – o lo compro e lo cito – faccio bella figura? (aka indice di aperitivabilità) : il libro sembra fatto esattamente per questo: per non spostare la discussione su Cassano quando qualcuno attorno a voi parla di teoremi di incompletezza; e per essere citato con un bicchiere di rosso in mano e dopo aver afferrato una tartina di mango e tacchino. (A proposito la sai la storia del tacchino induttivista?). Altra variante possibile: sono stato in vacanza in Grecia, ho visto questo libro (mica ci sono solo spiagge e discotesche, scusa?) e l’ho cercato anche qui.


Annunci

Tag: , , , ,

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: