Per quel quaderno a quadretti dobbiamo chiedere al direttore delle Risorse Umane, che è a Roma, e ora è in pausa pranzo

La cosa divertente della punizione a Santoro è il fatto che questa punizione non sia stata immediata. Di solito quando un’azienda prende provvedimenti “punitivi” lo fa con una certa urgenza. Per tutta la giornata di ieri mi sono chiesto: perchè lasciargli la possibilità di replica prima di sospendere il programma? Un ultimo giovedì prima della sospensione? Non ha nessun senso dal punto di vista della dirigenza. Intanto vai a casa, poi – quando tornerai – se ne riparla.  Ma la Rai – e chiunqua abbia mai avuto a che fare anche solo 5 minuti con un qualsiasi passacarte “interno” sa bene di cosa sto parlando – non è un’azienda normale. E l’idea di muovere quest’esercito burocratico di mail circolari con cinquanta persone in cc (e chissà quante altre in ccn), di avere centro avalli (non solo all’interno dell’azienda), di rivoluzionare orari di studi che qualcuno pretende più precisi dei treni giapponesi, di chili di pangasio già pronti in mensa, di turni impostati su elaboratissimi algoritmi, di Risorse umane, direttori del personale, tecnici, macchinisti, direttori di studio, consulenti musicali e pubblico già pagato per assistere, deve essere apparsa insostenibile a Masi e ai suoi molto più che il vaffanculo di Santoro stesso. E hanno preferito rischiare un secondo vaffanculo piuttosto che muovere questo vecchio rottame della Germania est con lo stuzzicadenti.

Annunci

Tag: , , ,

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: