Percentuali

Una volta uno dei gusti del complotto era il fatto di essere in pochi a godere di un’informazione. La verità conosciuta da pochi contro l’opinione pubblica manipolata: una lotta impari. Ma, scorrendo un po’ di commenti sulla morte di Bin Laden e ascoltandone altri in giro, mi pare di capire che ormai il gioco è completamente rovesciato. Ed è un profluvio di: era già morto, l’hanno giustiziato, non c’entrava niente con l’11 settembre, è un pupazzo di Bush, non è morto, non è Bin Laden, sono stati gli israeliani. Ormai i complottisti – numericamente – sono quelli che credono alla versione ufficiale. E i creduloni non sono più quelli manipolati dai governi, ma quelli manipolati dal “Cà nisciun è fesso”. Ma intanto, a dire che Bin Laden è morto il 2 maggio, ucciso in un blitz dell’esercito americano, e il suo corpo è stato sepolto in mare si diventa oggetto di scherno e risolini, neanche se uno avesse detto che i fulmini li manda Zeus.

Annunci

Tag: , , , , ,

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: