Se lo fa Mereghetti

Oggi ho scritto la mia prima recensione su tripadvisor. Poi, sempre oggi, Repubblica ha un articolo sui siti di guide agli alberghi online in cui si sostiene che le loro guide agli alberghi sono scadenti perchè gli albergatori pagano gente disposta a inventare recensioni fasulle. Non è colpa di questi siti, che anzi subiscono questa pratica, ma il risultato intanto sono guide zeppe di fanfaronate senza riscontro. A un certo punto dell’articolo, però, Angelo Aquaro scrive: “Prendete appunto TripAdvisor. È il sito dei viaggiatori che in popolarità ormai gareggia con guide storiche”. E io che stavo leggendo quest’articolo che, guarda caso, proprio oggi mi interessava particolarmente mi sono ricordato un particolare: sbaglio o una di queste guide storiche la pubblica proprio L’Espresso? E il riflesso condizionato è stato: eccolo qui, il conflitto di interessi. Parlano male delle guide online per difendere la propria posizione privilegiata. Ti pareva. Però.  Dopo ci ho ripensato. E la faccenda mi è sembrata un po’ ridicola. Mi sono immaginato la scena del tizio che si prende la briga di chiamare Aquaro, a New York, (peraltro oggi c’era un altro suo articolo su Timothy Leary molto interessante) per chiedergli di scrivere qualcosa contro tripadvisor perchè le vendite estive di guide l’espresso segnavano un -18%. No, era surreale. Di domenica 21 agosto, per giunta, a fine stagione estiva chi compra più guide?! Mi è sembrato molto più semplice ragionare come un bravo corrispondente, leggi la stampa americana e traduci. Così in pochi minuti ho trovato l’articolo del New York Times sulle stelline agli hotel. (E ci sono analoghi articoli in giro anche del Sunday Times e del Daily Mail). Che, ci mancherebbe, non danneggia nè inserzionisti nè azienda Espresso, ma è comunque lontano anni luce da quello che in questi anni ci siamo abituati a chiamare conflitto di interessi e che ormai sentiamo citare in continuazione anche da destra come fosse tutto sullo stesso piano e quindi tutto uguale, un magnamagna immodificabile, Paperone contro Rockerduck e via dicendo. Ciononostante proprio oggi un albergo ha rispedito a mia figlia la sua bambola preferita che lei aveva dimenticato lì (o più precisamente aveva lanciato su un albero) e loro nel bigliettino allegato mi hanno chiesto esplicitamente di citare l’episodio su tripadvisor. Con buona pace del web 2.0 e delle guide storiche.

Annunci

Tag: , , ,

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: