In silenzio

Mi ha molto commosso e fatto incazzare il post che gira da un paio di giorni con una foto dei funerali di Sandro Usai, un volontario della Protezione Civile morto durante l’alluvione a Monterosso. Gira con questo messaggio “”Dove sono i tricolori sulla bara e i ministri commossi? Dove sono i funerali di Stato e le dirette televisive? Dove sono le lacrime e gli editoriali delle “grandi firme” del caso Boffo e dei “senza bavaglio”? Forse è meglio così, gli eroi muoiono in silenzio. Con il giubbotto della Protezione civile. Era SANDRO USAI, volontario morto a Monterosso nell’alluvione del 25 ottobre.”; e questa foto:

Mi sembra molto scorretto spacciare questa foto come fosse del funerale e calcare la mano sulla Chiesa vuota. Ma credo che la verità sia un po’ diversa. Questa foto dev’essere stata fatta prima del funerale. (Usai ne ha avuti “due”, uno a Monterosso, l’altro a Arbus, in Sardegna), visto che le cronache sulla presenza di persone, durante entrambe le cerimonie, sono molto diverse di quella raccontata da foto e messaggio. E anche sulla presenza delle istituzioni, le cose sono andate un po’ diversamente. Ovviamente non sono abbastanza, comunque. E avrei gradito anch’io due parole in più invece dei video di Stracquadanio e le telefonate di Crosetto e le speculazioni sul prossimo governo, ma se poi per reclamare più spazio uno deve premere, anche contro la verità, solo sulla pancia, allora è meglio di no, not in mai neim.

Annunci

Tag: , ,

3 Risposte to “In silenzio”

  1. Faro Puleo Says:

    noi non ti dimenticheremo eri e sarai sempre uno di noi con affetto

  2. Massimo Says:

    Massimo Oddo È giusto che sei sappia che la foto io l’ho trovata su internet e non nascondo che mi ha commosso da subito,con il passare dei giorni dopo avere appreso che Sandro pur non avendo avuto funerali di stato,in realtà di funerali però ne aveva avuti due,Non me la sono sentita di togliere la foto,perchè comunque sia non ha per niente alterato la realtà,Sandro è stato un eroe,e a parte due tre commenti faziosi che minano come sempre la realtà con la ricerca della verità a tutti i costi,ad ora ci sono state mille condivisioni e duecento commenti di vicinanza alla famiglia di questo eroe,detto questo non mi sembra il caso di scendere a tali bassezze,screditare serve solo se la persona incriminata della pubblicazione fugge,io non sto scappando,la foto l’ho trovata mi ha commosso e ho creato il tag,bene la verità era distorta,non fà nulla Sandro ha avuto il suo terzo funerale il più importante quello fatto dalla rete,non mi pento e lo rifarei mille volte.

  3. Massimo Says:

    Chiedo scusa a tutti,se cercate un colpevole quello sono io,ma ripeto pure io come voi ho trovato quella foto e pure io come voi ho un cuore,mi dispiace mille volte mi dispiace,però sono contento di avere fatto involontariamente qualcosa di cui adesso sono orgoglioso: Essere riuscitto a far conoscere a mille persone la storia di un eroe tutto italiano!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: